C’è un giorno che cambia inesorabilmente la vita di Cesare: il 3 Settembre 1938, data della promulgazione delle leggi razziali. Leggi in difesa della “razza italiana”, pura, perfetta, da non ”contaminare”. Leggi che discriminano, umiliano, minacciano, dividono. Leggi ingiuste e violente che prevedono carcere e deportazione. Leggi non solo fasciste ma italiane.

Cesare è ebreo: per quelle leggi è un diverso, un malato, una specie di animale, dotato di corna e coda nascoste, da reprimere. Durante l’esame di terza media infatti, alla domanda del suo compagno Nello sul perché fossero in disparte rispetto al resto della classe “italiana”, Cesare candidamente suppone: “forse è perché siamo ebrei?” Cesare di quegli anni ricorda le divise fasciste, l’esclusione dalla scuola, l’accesso vietato nei negozi, le continue umiliazioni, le ricompense a chi denunciava gli ebrei.

Da quel momento la sua famiglia è in grave pericolo. Lascia la casa, i propri averi, il lavoro, il nome e l’identità, ed è proprio a Gabicce che ottiene documenti falsi. Una fuga costante, riuscita anche grazie al buon cuore dei giusti, che con le loro scelte coraggiose hanno salvato tante vite. Una di queste è proprio un sarto di Cattolica che lo ospita nella località collinare di Mondaino.

Al termine della seconda guerra mondiale, Cesare torna a Ferrara, dove proseguirà i suoi studi fino conseguire la laurea in medicina.

Ma in questi settant’anni il fardello dell’essere sopravvissuto grazie alla perdita di tanti affetti non si è dissolto; ma nonostante ciò non ha mai provato rancore o desiderio di vendetta. Ora ha 88 anni, la sua testimonianza così vivida e sincera è entrata nel cuore dei ragazzi dello Strocchi, affascinati dalla sua forte personalità e dal suo carisma.

Un incontro, questo, che ha mostrato quanto per noi giovani sia importante conoscere la storia ed esserne consapevoli, non dimenticando quanto l’irrazionalità umana possa portare a mostruosità ingiustificabili e inimmaginabili. “Non conoscendo osano essere fascisti”.

Luca Galamini VA Grafici

I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network. Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Chiudi